Picolit e terra: un legame inossidabile
“Un libro di versi, una giara di vino
Un pezzo di pane, un ramo ombroso
E, sotto questo, la donna amata
Che canta nella solitudine
O solitudine, bene veramente divino”
Omar Khayyam
Il 25 giugno 1938 sul colletto del Pecòl di Sémine, punto da cui si gode una stupenda vista panoramica sulla proprietà, venne posta una Stele. Una Stele sulla quale sono scolpiti versi sul vino e sull’amore, opera del poeta, matematico e astronomo Omar Khayyaam.
La leggenda vuole che sotto il cippo qualcuno avesse provveduto a interrare alcune bottiglie di Picolit dell’epoca, per legare indissolubilmente quella terra e quel vino.
ALTRE NEWS


Newsletter
Per rimanere sempre aggiornato su cosa accade in vigna e in cantina, per non perdere nemmeno un evento in cui degustare i nostri vini, per ricevere informazioni su ciò che succede nel mondo del vino...
Ospitalità
L'accoglienza con il sorriso è una nostra prerogativa, qui all'Aquila del Torre. Tutto è iniziato dal nostro progetto Oasi Picolit per promuovere l'area del Savorgnano del Torre attraverso il vino d'eccellenza "sua maestà" il Picolit.